Mercato del lavoro, caccia agli esperti di automazione industriale

Prevista una crescita pari al 10-15% delle professioni legate all’automazione industriale nel 2018.

e-workC’è bisogno di analisti e progettisti di software, disegnatori industriali, tecnici esperti in applicazioni, ingegneri programmatori: tutte posizioni per le quali la domanda è superiore all’offerta e, di conseguenza, le retribuzioni sono in crescita”: parola di Paolo Ferrario, amministratore delegato dell’agenzia per il lavoro e-work, specializzata nella somministrazione di lavoro a tempo determinato e indeterminato, ricerca e selezione di personale qualificato, politiche attive del lavoro, formazione e ricollocazione professionale.

Per fare un esempio, un ingegnere programmatore di robot per l’industria 4.0, con 5/7 anni di esperienza, può guadagnare tra i 35 e i 40 mila euro lordi l’anno. È richiesta specializzazione nel settore, laurea in ingegneria meccatronica, oltre a un’esperienza di almeno cinque anni nella stessa posizione.

In Italia già oggi si contano 1.100 robot ogni 10 mila operai e il programma Industria 4.0 ha ulteriormente incentivato i processi di automazione industriale” ha spiegato Ferrario, “per questo ci aspettiamo che la domanda di figure professionali legate a quest’area possa crescere anche del 15% nel 2018. Il mercato della robotica è cresciuto del 24% nell’ultimo anno e le aziende italiane hanno fame di tecnici specializzati”.

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0