Welfare World per la conciliazione famiglia-lavoro

welfare world conciliazioneSi è concluso con successo il progetto Welfare World – Conciliazione pavese, finanziato da Regione Lombardia e promosso da ATS Pavia con lo scopo di promuovere e supportare interventi di conciliazione famiglia-lavoro attraverso un percorso di incontri operativi gratuiti a carattere formativo-consulenziale.

Aziende e lavoratori dei territori del Pavese, della Lomellina e dell’Oltrepò hanno potuto quindi beneficiare di un’iniziativa che li ha aiutati a progettare e realizzare piani welfare ad hoc, offrendo inoltre a tutti gli interessati l’opportunità di conseguire una certificazione come welfare manager fornita da Jekpot, ente formativo accreditato dall’Ordine nazionale dei Consulenti del lavoro.

Il progetto Welfare World – Conciliazione Pavese” ha spiegato Ilaria Marzi, direttore socio-sanitario di ATS Pavia, “è stato inserito nel piano territoriale di conciliazione famiglia-lavoro della provincia di Pavia – programmazione 2017-2019. ATS di Pavia, in qualità di ente capofila della rete territoriale di conciliazione famiglia-lavoro della provincia, ha svolto un ruolo di governance e di monitoraggio delle attività“.

Il percorso formativo-consulenziale organizzato da Jekpot” ha aggiunto Loredana Niutta, direttore del dipartimento PIPSS di ATS Pavia, “ha raggiunto gli obiettivi previsti; in particolare, i partecipanti che hanno ottenuto la certificazione di welfare manager potranno divenire a loro volta vettori di conoscenze e competenze su questi temi a favore di altre aziende, generando un effetto moltiplicatore di risorse per il nostro territorio“.

Il percorso” ha concluso Ombretta Bonin, funzionario dell’ufficio UOC Governo della presa in carico e dei percorsi assistenziali di ATS Pavia, “rappresenta un esempio virtuoso delle iniziative di sensibilizzazione sul tema che sono state realizzate per promuovere la cultura della conciliazione, e che costituiscono un elemento fondamentale del successo delle politiche di conciliazione vita-lavoro sul nostro territorio e di ampliamento della rete di conciliazione territoriale“.

Un risultato che aumenta la consapevolezza delle potenzialità dell’informazione sul welfare aziendale per aumentare la produttività e il benessere organizzativo attraverso programmi che, contestualmente, puntino a stimolare la motivazione, a fidelizzare i lavoratori, sviluppare il senso di appartenenza, efficientare le relazioni industriali e migliorare il clima lavorativo.

COMMENTI

WORDPRESS: 0
DISQUS: